• Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black Twitter Icon
  • Black Google+ Icon
  • Black YouTube Icon

Le Strade del Suono - Nuovi silenzi 

 

Secondo il “Visual Network Index” di Cisto, Internet è ormai nell’ era “Zettabyte” ed entro il 2019 raggiungerà i due “Zettabyte”. Un “Zettabyte” è un sestilione di byte, ma per avere un’immagine più precisa si è calcolato che due “Zettabyte” corrispondono al “peso” di un video in alta definizione della durata di 36.000 anni.  Le nostre vite “online” sono insomma sempre più immerse in un universo frammentato, dove la quantità di informazioni e di dati sovrasta le loro possibilità di collegamento e, soprattutto, di elaborazione.

Per questo, abbiamo scelto il silenzio come elemento centrale del Festival EstOvest - Le Strade del Suono 2019. Il silenzio è tempo dilatato, capace di far sedimentare e interiorizzare le informazioni ricevute. Il silenzio è uno spazio vuoto che in quanto tale è capace di accogliere, comprendere e riempirsi con maggior consapevolezza di sé.

Nel '900 musicale il silenzio è stato un campo d’esplorazione continuo, elevato da Cage a puro elemento compositivo di una nuova grammatica, studiato da Stockhausen come veicolo di un rinnovato misticismo e inteso da Feldman come elemento di trasformazione della figura musicale.

“Nuovi Silenzi”, però, come si evince facilmente, non intende esplorare queste importanti memorie storico-artistiche, ma indagare come il silenzio riguardi la musica di oggi, quella dei compositori in piena attività e dei talenti emergenti.  11 concerti e tre appuntamenti divulgativi(Around) per un festival orami sempre più importante. Buon viaggio!

 

 

 

Around Le Strade del Suono: L'incontro musicale tra Giappone e Europa

8 Ottobre 2019 - CELSO - Istituto di Studi Orientali - Ore 17.45

 

La contemporaneità musicale giapponese:un incontro di presentazione del primo concerto con molti

dei suoi protagonisti e una riflessione sul silenzio e il vuoto nella musica e nell’arte orientale.

 

Relatori:

Yoichi Sugiyama

Alberto de Simone

Carla Magnan

Stefano Guarnieri

Matteo Manzitti

 

In collaborazione con CELSO-Istituto di Studi Orientali e l’Associazione Culturale Pasquale Anfossi

 

 

 

Yogaku 

9 Ottobre 2019 - Teatro della Tosse - Ore 21.00

 

Il Festival si apre con un omaggio alla musica contemporanea giapponese, Yogaku. 

 

Yogaku è infatti il termine che in Giappone viene usato per indicare la musica classica che compositori giapponesi scrivono recependo la complessità formale del mondo europeo (dove quasi tutti si sono formati), ma preservando l’identità irriducibile della loro cultura.

Sarà Yoichi Sugjiama, uno dei più importanti musicisti del Giappone contemporaneo, compositore e direttore, a guidare l’Eutopia Ensemblein un viaggio che oltre a un suo brano vede la presenza di Misato Mochizuki e dei giovani Yuki Urabe e Tetsuo Kubo. Stefano Giorgi, un visual artisttra i più apprezzati della scena nazionale per una poeticità che deriva da un lavoro ancora analogico sulla forma e sul colore, accompagnerà il concerto con immagini originali ma in parte riconducibili alla pittura orientale, un’estetica a cui è particolarmente legato.

 

 

Corinna Canzian, Violino 

Marcello Schiavi, Viola 

Riccardo Pes, Violoncello 

Elisa Azzarà, Flauto

Edoardo Lega, Clarinetto 

Valentina Messa, Pianoforte 

 

Yoichi Sugiyama, Direzione 

 

Stefano Giorgi, Video

 

Tetsuo Kubo-Quel giorno vidi il cielo verde-prima esecuzione assoluta

Yuki Urabe I colori dei bianchi-prima esecuzione europea

Yoichi Sugiyama Frammenti, Variazioni e Ricostruzione del “Comme Femme Desconfortee”

Misato Mochizuki Voilages

 

In collaborazione con la Fondazione Luzzati - Teatro della Tosse

 

biglietto: 14-ridotto: 10

 

 

 

 

Stradella Reloaded

16 Ottobre 2019  - Galleria Aurea di Villa del Principe - Ore 20.30

 

Alberto Barberis, compositore, chitarrista e ingegnere del suono, si sta in pochi anni affermando come uno dei più interessanti sperimentatori elettroacustici della scena musicale italiana. Insegnante di musica elettronica presso il Conservatorio della Svizzera Italiana, è egli stesso programmatore di software relativi alla spazializzazione del suono e alla composizione algoritmica. “Stradella Reloaded”è l'ultimo capitolo, ancora ineseguito e in prima esecuzione al festival le Strade del Suono/Le vie del barocco, delle sperimentazioni di Barberis, in cui la musica di un grande compositore del passato si fa materia prima e pretesto allo stesso tempo di un processo complesso. In esso prende vita un sistema compositivo tridimensionale e particellare. La scelta in questo caso della fonte originaria cade su Alessandro Stradella, compositore barocco bolognese che lavorò moltissimi anni a Genova, dove morì.

 

 

Alberto Barberis, Elettronica e proiezioni-Prima assoluta

 

In collaborazione con il Festival Le Vie del Barocco e il Festival Electropark - Associazione Forevergreen

 

 

 

 

Conquensis Messe

20Ottobre 2019 - Forte di Santa Tecla, Sanremo - Ore 17.00

 

Nel 2014 il Festival de Musique de Conques- La Lumière du Roman commissionò aLamberto Curtoni la composizione di una Messa. La commistione tra un linguaggio, quello liturgico, codificato da secoli e formalmente assai poco malleabile ed uno, quello di un giovane compositore di successo come Lamberto Curtoni, molto libero ed emozionalmente personale, può dare risultati molto interessanti.

Un coro a quattro voci ed un violoncello solista sono il materiale con cui lavora ilmusicista piacentino. Il risultato è di gioiosa e spontanea devozione, una forma direligiosità che non tende dunque all’ austerità ed all’eccesso di rigore. Due vieapparentemente distanti confluiscono in una visione calibrata, dove la celebrazione del divino acquisisce, per usare la figura retorica dell’ossimoro, una leggerezza intensa.

 

 

Ensemble Vocale Il Concento

Claudio Pasceri, violoncello

Luca Franco Ferrari, direzione

 

Lamberto Curtoni Conquensis Messeper Coro e Violoncello-Prima esecuzione italiana

 

Concerto inserito nell’ambito della rassegna Ottobre di pace

 

In co-produzione con EstOvest Festival

 

Ingresso gratuito

 

 

 

 

Around Le Strade del Suono: La Musica e il muro di Berlino: una riflessione sul 900 musicale 

6 Novembre 2019-Libreria Falso Demetrio-Ore 18.30

 

 

In preparazione al concerto dell’8 e 9 Novembre una riflessione introduttiva sul rapporto tra la musica e i grandi poteri totalitari del 900.

 

Relatore: Matteo Manzitti

Moderatore: Tommaso Boyer

 

 

 

1989-2019: DIE MAUER / IL MURO

Palazzo Ducale - 8 Novembre 2019 - Ore 20.30

Teatro dell’Arca - 9 Novembre 2019 - Ore 20.30

 

A distanza di 30 anni dal crollo del muro di Berlino vogliamo commemorare quell’importante momento storico con un concerto intenso, che scavi nel fondo di quella sofferenza.

Il muro di Berlino è stato infatti anche il simbolo tragico di un secolo che ha anteposto le ideologie all'umana solidarietà, le appartenenze specifiche a un senso di comunione universale. Ecco che in questo concerto ascolteremo voci di compositori che del ‘900 hanno sofferto la violenza ideologica: come Alfred Schnittke, obbligato dall'Unione Sovietica a non lasciare il paese e più volte messo al bando, ma protagonista sarà anche la musica di Mendelssohn, autore romantico che nel ‘900 subirà una violenza “postuma” venendo defenestrato dalla vita musicale del Terzo Reich in quanto ebreo, destino che invece capitò in vita a Kurt Weill, simbolo di una Berlino aperta e ironica che negli anni ‘30 dovette lasciare a seguito dell'avvento al potere di Hitler. A questi autori aggiungeremo invece voci attuali: Anno Schreier, giovane compositore tedesco già estremamente affermato e autore di più opere liriche, e Aleksey Kurbatov, uno dei compositori russi più importanti della sua generazione: a loro abbiamo chiesto di ragionare musicalmente sul tema della separazione, in quanto anche loro, seppur figli di un mondo  più globalizzato, vivono il nostro presente storico, dove i muri ancora dividono, classificano e marginalizzano porzioni di umanità.

 

Coro Giovani Cantori

Roberta Paraninfo, Direttore

 

Eutopia Ensemble:

 

Corinna Canzian, violino

Edoardo Lega, clarinetto

Federico Bagnasco, Contrabbasso

 

Anno Schreier Novità (2019)

prima esecuzione assoluta-commissione EstOvest Le Strade del Suono

 

Paul Hindemith Duo per violino e clarinetto

 

Felix Mendelssohn Veni Domine

 

Alfred Schnittke fuga per violino

 

Kurt Weill (arr. Stefano Guarnieri) “Und was bekam des Soldaten Weib” - “Berlin im Licht-Song”

 

Aleksey Kurbatov ...und alle Mauern zu Boden fallen( 2019)

prima esecuzione assoluta-commissione EstOvest Le Strade del Suono

 

Felix Mendelssohn Gruss

 

Co-produzione con la rassegna La Voce e il Tempo e l’Associazione Teatro Necessario

 

Biglietti:

Intero 12€

Ridotto 10€

 

 

 

 

Conquensis Messe

10 Novembre 2019 - Spazio Kor, Asti - Ore 17.00

 

Ensemble Vocale Il Concento

Claudio Pasceri, violoncello

Luca Franco Ferrari, direzione

 

Lamberto Curtoni Conquensis Messeper Coro e violoncello-Prima esecuzione italiana

 

In co-produzione con EstOvest Festival

 

 

Stanze/Miroirs

16 Novembre 2019 - Auditorium San Francesco  ore 17.00

 

Miroirs, di Maurice Ravel. Un capolavoro del primo Novecento, un brano che ha cambiato

la visione del pianoforte e le traiettorie della musica. Mauro Montalbetti, con le sue stanze, vi si accosta con umiltà, cercando un dialogo attraverso uno specchio multiforme, capace di generare nuove direzioni e significati.

Per Andrea Rebaudengo “Miroirs” è stato il campo di lavoro di tanti anni, mettere in relazione questa musica a suo modo inaudita con l’universo e la sensibilità contemporanea conferisce allo stesso ascolto di Ravel una maggiore profondità.

 

Andrea Rebaudengo, pianoforte

 

Maurice Ravel Miroirs

Mauro Montalbetti Stanze

 

 

 

 

Around le Strade del Suono: Rinascere Sirena. L’immagine sonora di un incanto mortale

Lunedì 18 Novembre 2019-Accademia Ligustica di Belle Arti- ore 10.00

 

Incontro pubblico tra Giorgio Netti e gli studenti del Conservatorio “Paganini” e dell’Accademia Ligustica di Belle Arti. Il Maestro Netti parlerà del “concetto” di Sirena attraverso una prospettiva translinguistica, chiamando in causa la storia dell’arte per poi concentrarsi sull’immagine sonora del suo brano

 

Relatori:

Matteo Manzitti

Carla Magnan

Giorgio Netti

Claudio Pasceri

 

In collaborazione con l’Associazione Culturale Pasquale Anfossi

 

 

Rinascere sirena

18 Novembre 2019 - Acquario di Genova - Ore 21.00

 

Nella straordinaria cornice dell’Acquario di Genova (sala dei delfini) la prima genovese di un brano di straordinaria importanza.

Rinascere Sirena è una composizione per trio d’archi “modificato” di Giorgio Netti. Netti è una figura musicale di grande interesse: compositore raffinatissimo, eseguito soprattutto nel centro e nel nord Europa. Oltre ad essere un grande “scultore” del suono, agendo spesso sulla meccanica e l’accordatura degli strumenti allo scopo di modificarne la voce, Netti è anche un grande poeta del suono, ancorando la sua estetica ad una sensibilità spirituale e materica allo stesso tempo. 

 

 

MDI Ensemble

Lorenzo Gentili Tedeschi, violino

Paolo Fumagalli, viola

Giorgio Casati, violoncello

 

Giorgio Netti Rinascere serena

 

Co-produzione con EstOvest Festiva

 

Visita acquario + concerto: €25

 

 

 

La Pienezza del vuoto 

27 Novembre 2019 - Teatro della Tosse, Sala CampanaGenova-Ore 21.00

 

Il secondo concerto dell’Eutopia Ensemble vedrà la collaborazione tra l’ensemble e la danzatrice Maria Francesca Guerra, in una performance dal titolo La pienezza del vuoto. Il vuoto sarà quello degli strumenti ad arco suonati senza alterare il suono fondamentale delle quattro corde in Corde Vuotedi Francesco Filidei, o lo spazio sonoro che a partire da pochissimi elementi si addensa sempre più in John Conway in Gondoladi Mauro Lanza o che continua misteriosamente ad aleggiare intorno alle note in…ins Licht..di Georg Friedrich Haas. In questo concerto avremo anche tre “prime”: una di Stefano Guarnieri, compositore in residence del Festival, e due frutto di un Call for score internazionale dal titolo: Fullness of Emptiness. Maurizio Azzan e Luca Benatti sono i due compositori selezionati dalla Call

 

 

Eutopia Ensemble

Corinna Canzian, Violino

Riccardo Pes, Violoncello

Valentina Messa, Pianoforte 

Maria Francesca Guerra, Danzatrice, compagnia DEOS

 

Francesco Filidei Corde Vuote

 

Georg Friedrich Haas…Ins Licht…

 

Mauro Lanza  John Conway in Gondola

 

Stefano Guarnieri  Involucri

 

Maurizio Azzan In Limine(compositore selezionato attraverso la call for score 2019)

 

Luca Benatti Tessiture del vuoto (compositore selezionato attraverso la call for score 2019)-Prima esecuzione assoluta

 

 

In collaborazione con la Fondazione Luzzati - Teatro della Tosse

 

biglietto 14-ridotto 10

 

 

 

 

Die Stille

30 Novembre 2019 - Museo Ettore Fico, Torino 

 

Michaël Levinas, pianoforte

Anne Roubet, voce

Ferrante Ferranti, fotografie e video

 

Jean Cras, Robayiats

Alexander Scriabin, Etudes pour piano op 42

Robert Schumann, Die Stille(dai Liederkreis op 39)

Federico Mompou, Musica Callada

Michaël Levinas, Etudes pour piano

Robert Schumann, Frühlingsnacht  (dai Liederkreis op 39)

Wolfgang Rihm, Verwelkte Blume (da Friederich Ruckert)

Maurice Ravel, Deux melodies hébraïques

Michaël Levinas, Etude sur un piano espace *

 

*Prima esecuzione italiana

 

Co-produzione con EstOvest Festival

 

 

 

Focus Levinas 

2 Dicembre 2019 - Conservatorio Niccolò Paganini, Genova - Ore 17.00

 

Dopo il concerto di Torino, in occasione del 70esimo compleanno del grande compositore francese Micheal Levinàs, il Festival EstOvest Le Strade del Suono, in collaborazione con il Conservatorio di Genova, organizza un incontro a lui dedicato, ospitando una conferenza del compositore sul suo lavoro ed eseguendo uno dei brani a cui il compositore spettralista è più legato: il Concert pour un piano espace n.2 per pianoforte e cinque strumenti. Il brano sarà eseguito da una selezione di componenti dell’Eutopia Ensemble e da una selezione di strumentisti del Conservatorio(studenti e professori), alla presenza dello stesso Levinàs.

 

 

Eutopia Ensemble

Allievi del Conservatorio N.Paganini di Genova

 

Michael Levinas Concert pour un piano espace n.2(1980) Pour un piano e cinq instruments

 

Co-produzione con EstOvest Festival

 

ingresso gratuito

 

Voci marine 

7 Dicembre 2019 - Museo del Mare, Genova - 16.30

 

Un programma straordinario sul tema acqua e musica, per un omaggio al grandissimo compositore americano George Crumb nel suo 90° compleanno, con uno dei suoi brani più originali Vox Balaenae (Voice of the Whale). A lui dedicato anche una prima assoluta per violoncello solo del noto compositore, direttore e violinista Marcello Fera. 

CRUMB  VOX BALAENAE  ( Voice of the Whale ), è un'opera        per flauto elettrico, violoncello e pianoforte amplificato, composta per la performance dalla Camerata di New York nel 1971.

Oltre alle tecniche di strumentazione, agli artisti viene chiesto di indossare maschere mezze nere. 

 

 

        

 

        Ljuba Moiz,  pianoforte 

        Antonella Bini, flauto 

        Martina Rudic, violoncello

 

Claude Debussy Reflets dans l’eauper pianoforte

Marcello Fera brano su commissione per violoncello solo-prima esecuzione assoluta

Maurice Ravel Jeux d’eauper pianoforte

Claude DebussySyrinxper flauto solo 

George Crumb Vox Balaenae (Voice of the Whale) per flauto elettrico, violoncello e pianoforte amplificato

 

Co-produzione con Associazione Pasquale Anfossi

 

Ingresso gratuito